Punto TT-9: I presunti incendi infernali diffusi nella torre sud contro
Punto TT-9: la trascrizione radio FDNY

<< Punto precedente, Punto successivo >>

Retroscena

L’importanza di questo punto (di consenso) è che un rapporto (una trascrizione) radio di un dipartimento dei vigili del fuoco di New York nega senza alcun dubbio l’affermazione che ci fossero incendi diffusi (impazziti, incontrollati) nel World Trade Center 2 (la torre sud) la mattina dell’11 settembre.

La versione ufficiale che presume la vasta estensione degli incendi nella Torre Sud (come citato prima) è stata raccontata senza tenere in considerazione i rapporti radio dei vigili del fuoco che stavano salendo l’edificio, i quali sono stati colpiti all’incirca verso le 9:03 del mattino.

Un esaminazione dei 78 minuti di trascrizione radio, che fu trovata nel World Trade Center 5 e pubblicata nel novembre 2002, mostra che i vigili del fuoco nella Torre Sud potevano essere uditi parlare attraverso le loro radio mentre salivano e arrivavano al 78esimo piano usando diverse scale, fino al collasso dell’edificio avvenuto alle 9:59 del mattino.

Questa trascrizione mina alle fondamenta l’affermazione ufficiale che i pavimenti in prossimità del punto colpito dall’aereo [1] fossero tutti incendi “infernali”, e che gli incendi fossero di una natura tale da far iniziare il collasso dell’edificio.

La versione ufficiale
  1. Il 9/11 Commission Report (2004) recita che:
    “approssimativamente dalle 9:21 in poi, (il capo della) la squadra di vigili in salita fu incapace di raggiungere l’atrio del centro di comando della Torre Sud poiché il capo maggiore nell’atrio aveva cessato di comunicare sul ripetitore del canale 7.” [2]
  2. Il National Institute of Standards and Technology (NIST) riporta:
    “Durante il giorno 11 settembre 2001, l’incendio innescato dal carburante dell’aereo si diffonde rapidamente sopra la gran parte dei 3716,1216 / 3700 metri quadrati dei diversi piani in ciascuna torre. Questo creò incendi infernali che non si sarebbero potuti estinguere neanche con un sistema antincendio non danneggiato” [3]

Le prove migliori

Queste affermazioni a proposito della Torre Sud sono negate da due tipi di prova:

  1. Riguardo all’affermazione di un malfunzionamento nelle comunicazioni dei vigili del fuoco: Il 4 agosto 2002, il New York Times riporta (20 mesi prima che la 9/11 Commision pubblicasse i suoi risultati nel 2004) che un nastro radio della durata di 78 minuti in cui si può ascoltare un vigile del fuoco dell’FDNY che sale fino al 78o piano della Torre Sud è stato trovato ma non rilasciato al pubblico. [4]
    Il 2 novembre 2002, un articolo del New York Times a firma di Jim Dwyer e Kevin Flynn, [5] che racconta della pubblicazione del nastro, e che include una trascrizione contenente i seguenti segmenti:

    9:25 del mattino: Scala 15 Irons: “ho appena ricevuto un rapporto dal direttore di Morgan Stanley. 78 sembra che abbiano preso il colpo più forte da questa roba, ci sono un sacco di corpi, dicono che le scale sono libere per tutta la strada, penso.”
    9:43 del mattino: comandante del battaglione 9: “In quale scala sei Orio?”
    Comandante della squadra 7 [Orio Palmer]: “Il centro dell’edificio, boy, boy [Stairwell B].”
    9:48 del mattino: scala 15: “Cosa sta succedendo lì, comandante?”
    Comandante del battaglione 7: “Sono ancora nella scala boy [B] 74o piano. Nessun problema di fumo o di fuoco, i muri sono crepati, quindi cerca di fare attenzione.”
    9:52 del mattino: comandante del battaglione 7: “Battaglione 7 … scala 15, abbiamo 2 sacche di fuoco isolate. Dovremmo essere capaci di spegnerle con 2 linee. Comunico questo, 78o piano numeri 10-45 codice Ones [interrotta].” [6]
    Scala 15: “Comandante, in che scala sei?”
    Comandante del battaglione 7: “Le scale sud Adam [A], Torre Sud.”
    Scala 15: “Piano 78?”
    Comandante del battaglione 7: “10–4, numerosi civili, avremmo bisogno di due motori qua su.”
    Scala 15: “D’accordo 10-4, stiamo arrivando.”
    Comandante del battaglione 7: “Avrò bisogno di due dei tuoi vigili del fuoco scala Adam per spegnere i due incendi. Abbiamo una linea (house) distesa potremmo usare un po’ d’acqua su quella, spegneteli, ok.”
    Scala 15: “D’accordo 10–4, stiamo salendo le scale. Siamo sul 77 adesso nella scala B, ci sentiamo fra poco.”
    Scala 15 tetto: “Tetto 15 a 15. Siamo sul 71. Arriviamo subito di sopra.”
    9:57 del mattino: Squadra 7 operazione Torre uno: “Battaglione sette, operazione Torre uno a battaglione 9, abbiamo bisogno di voi sul piano sotto il 79. Abbiamo accesso alle scale che arrivano fino al 79, ok.”
    Battaglione 9: “D’accordo, sto arrivando Orio.” [7]

    Secondo Dwyer e Flynn, questo nastro “contraddice completamente” l’affermazione che il “devastante collasso nelle comunicazioni tra i vigili del fuoco al World Trade Center fu in gran parte causato dal malfunzionamento di un dispositivo elettronico complessivamente chiamato un ripetitore, che era progettato per potenziare le trasmissioni radio nei grattacieli.” [8]

  2. Riguardo all’affermazione di una vasta distesa di fuoco nella Torre Sud:
    1. I vigili del fuoco hanno raggiunto i piani 71, 77, 78, 79 (e probabilmente l’80) della Torre Sud, in cima all’edificio.
    2. Alle 9:52 del mattino, sette minuti prima che la Torre Sud collassasse rapidamente e completamente alle 9:59 del mattino (il 9/11 Commission Report dà la durata del tempo di crollo di 10 secondi [9]), il comandante del battaglione 7 Orio Palmer disse dalle scale sud:
    3. I vigili del fuoco furono capaci di arrampicarsi fino al piano 78 su almeno 3 delle scalinate.
    4. “Scala 15 ha finalmente trovato l’incendio dopo un ardua scalata fino al 78°piano, in accordo al nastro. Loro erano nella scalinata B. Dall’altra parte dell’incendio c’erano centinaia di persone, impossibilitate a scappare dal fumo e dalle fiamme sulle scale. Il comandante Palmer stava affrontando un incendio simile nella scalinata A, lungo il piano.” [10]
    5. I vigili del fuoco erano calmi e tranquilli:
      • “Le voci, catturate su di una registrazione di una trasmissione radio del Dipartimento dei vigili del fuoco, non tradiscono nessuna paura. Le parole sono una questione di fatto …
        Ma sul nastro non c’è da nessuna parte un qualsiasi indizio che i vigili del fuoco avessero avuto la più piccola indicazione che la Torre fosse divenuta instabile o che potesse cadere.
        ‘Comandante, sto per fermarmi al 44’, Stephen Belson, un aiutante del comandante Palmer, gli comunica alle 9:25 nel momento in cui lui comincia a salire.
        ‘Prendi il tuo tempo’, risponde il comandante.” [11]
      • “Debbie Palmer, il cui marito, Orio Palmer comandante del Battaglione, può essere ascoltato su questa registrazione … dice che la registrazione gli ha dato un po’ di pace a proposito degli ultimi momenti di suo marito.
        ‘Non ho udito paura, non ho udito panico’, disse al The Times. ‘Quando il nastro sarà reso pubblico al mondo, le persone sentiranno che è stato fatto tutto per il loro lavoro senza paura, e in modo disinteressato.’” [12]

Conclusioni

C’è una prova incontrovertibile che le squadre dei vigili del fuoco stavano chiaramente comunicando tra di loro mentre salivano il WTC 2.

Il fatto che loro andassero per il loro lavoro con calma non è sorprendente, perché nella loro esperienza professionale un fuoco – financo un fuoco causato dall’impatto di un aereo – non si è mai risolto nel crollo di un grattacielo con struttura in acciaio, neanche di un singolo piano.

Le prove dalla trascrizione radio supportano i punti Consensus dal TT-1 al TT–8 [13] affermando che le Torri Gemelle non sono crollate a causa dell’impatto aereo e degli incendi, come allude la narrativa ufficiale.

<< Punto precedente, Punto successivo >>

Note di riferimento per il punto TT-9
Floors 78-84 of the South Tower were impacted by Flight 175. (“2 World Trade Center,” 911research.wtc7.net)
The 9/11 Commission Report, 2004, p. 300 (pdf-p. 317).
NIST, Answers to Frequently Asked Questions (Last updated September 20, 2011). “Question No. 8: We know that the sprinkler systems were activated because survivors reported water in the stairwells. If the sprinklers were working, how could there be a ‘raging inferno’ in the WTC towers?”
Jim Dwyer and Ford Fessenden, “Lost Voices of Firefighters, Some on the 78th Floor,” New York Times, August 4, 2002.
Jim Dwyer and Kevin Flynn, “9/11 TAPE RAISES ADDED QUESTIONS ON RADIO FAILURES,” New York Times, November 2, 2002; NYT Interactive, “The Tale of the Tape.”
FDNY. A “10-45 Code One” means “Black tag (deceased).”
Excerpts From Firefighters’ WTC Tape on 9/11,” typed transcript, posted November 22, 2002. The radio recording can be heard online: “Let me know when you see fire.”
Jim Dwyer and Kevin Flynn, “9/11 TAPE RAISES ADDED QUESTIONS ON RADIO FAILURES,” New York Times, November 2, 2002.
The 9/11 Commission Report, 2004, p. 305.
Kevin Flynn and Jim Dwyer, “Fire Department Tape Reveals No Awareness of Imminent Doom,” New York Times, November 9, 2002.
Kevin Flynn and Jim Dwyer, “Fire Department Tape Reveals No Awareness of Imminent Doom,” New York Times, November 9, 2002.
Jaime Holguin, “Report: FDNY Reached WTC 78th Floor,” CBS News, August 4, 2002, 12:09 PM.
The 9/11 Consensus Panel, Consensus Points TT-1 to TT-8.

 

Comments are closed.